Eden Lake

scontri generazionali

324378-eden-lake

Così mi capita tra mano e zampa questo “Eden lake”…. la fascetta promette un “rape and revenge”.
Ed effttivamente è un “rape and revenge”.. senza il “rape”…e con poca “revenge”.
Poca-vendetta-poca, per sta poveraccia protagonista a cui capita veramente di tutto.
E questa mia sensazione del poca-vendetta-poca, sta inesorabilmente a significare che il film funziona….eccome.
Ad un certo punto sei talmente immedesimato ed hai accumulato talmente tanta rabbia per le ingiuste sorti della coppia di fidanzati protagonisti che vorresti le teste degli antagonisti su un piatto d’argento. Solo che non va così.
O almeno non abbastanza per i miei gusti. C’è da dire ,a contraltare, che i cattivi sono una baby gang.
E questo complica le cose e fa pensare.
“Complica e fa pensare”…cose buone per un thriller-horror dei giorni nostri passato ingiustamente quasi in sordina…e non si capisce il perchè…anche questo fa pensare.
Il film, se non si è capito, è strepitoso.
Un riuscito mix tra “alta tensione” e “l’ultima casa a sinistra”.
La storia, vista e rivista, dei due ragazzotti innamorati, in picnic sul laghetto romantico, attaccati ingiustamente dai villain della situazione, ha una svolta importante proprio grazie alla scelta anomala sulla figura dei cattivi di turno: una gang di adolescenti bullissimi con famiglia bullissima a seguito.
Finale prevedibile ma comunque angosciante.
Da vedere assolutamente.

Annunci

40 commenti su “Eden Lake

  1. Ma che bello. Lo cerco subito! E’ da un po’ che sto rimuginando su storie thrillerose e crudelose. 🙂
    Poi come sempre faccio lo appoggio in una cartella e lì resta per 40.000 anni… Ma vabè! Grazie per la recension\segnalazione!

  2. E invece ci sono cascato e lo sto già guardando… ^_^
    Non male… e anche se non c’entra granché mi ha ricordato A Perfect Getaway, con la Jovovich… che ha sempre il suo perché.

  3. Se posso dire la mia…questo film è una patacca, poco credibile e noioso.

    Poi il doppiaggio italiano, che voce ridicola è quella di Fassbender?, di solito lo doppia Francesco Prando, qui si vede che il distributore italiano non aveva abbastanza soldi, anche perché il film e del 2008 e da noi è arrivato solo nel 2016, era meglio non distribuirlo, e prendere Turbo Kid…chissà se arriverà mai questo capolavoro.

  4. Ne avevo sentito parlare ma ero molto indeciso se vederlo o no e, come mi capita quasi sempre, me ne sono dimenticato fino a quando non ho letto il tuo articolo. Meglio che inizi a segnarmeli questi film.

  5. Non conoscevo l’opera, ammetto la mancanza, tuttavia leggendo la tua descrizione mi è subito venuto in mente il The Strangers con quel bendiddidio della figlia del cantante degli Aerosmith, se non altro per il multi-villain-gang-ragazzini-spostati.
    Ci ho preso col paragone? O siamo proprio in altra zona?????

    ciao lupetto e seppur con ritardo, ti auguro buona Pasquetta!!!!

  6. Ok, devo ammettere che in tutto questo non ci ho capito niente, ma una cosa è certa: dovrò vedere per capire (e divertirmi). Insomma, film segnato, ti farò sapere volentieri 😀

  7. Manco da Word Press da un po’, per impegni personali, ma siccome sto per postare un mio nuovo pezzo, ho cominciato a recuperare cose che mi ero lasciato indietro e mi mancava un tuo intervento… nel senso che non lo avevo proprio, me l’ero perso!
    Eh, si, che ho notato, che anche tu non scrivi da un po’, ma in più, quando lo hai fatto l’ultima volta, il 2 di questo mese, io non lo avevo nemmeno notato!!
    Mea culpa, mea grandissima culpa!! Ho subito rimediato ed eccomi qui…

    Eden Lake l’ho visto per sbaglio, anni fa, pensando di guardare un film americano trito e ritrito ed invece mi sono trovato di fronte un filmone, teso come la pelle di un tamburo, pieno di sangue e violenza, eppure anche un film per tutti, anche per chi non frequenta l’horror estremo, un viaggio da incubo ed un vero e proptrio calvario di sofferenze: c’è qualcosa della cattiveria sociale di Sam Peckinpah ed il desiderio di vendetta dei protagonisti, ma c’è anche il fango che nel finale trasformano l’eroina in uno spettro alla deriva alla ricerca di se stessa come in Apocalypse Now.
    Hai fatto ultra-bene a consigliarlo: un grandissimo spettacolo ed un Fassbender davvero istrionico.

    • ciao caro kasamico. non posto spesso come vorrei….impegni e impegnoni vari mi tengono lontano dal blog. Lui pero’ (il blog) vive anche senza il mio apporto continuo e questo mi fa piacere…. io dal canto mio mi faccio vivo, con meno frequenza del solito ma sono sempre qui….e verro’ sicuramente a leggerti. un salutone carissimo

dai commenta! Non fare il timido

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...