Honeymoon

Sposini alienati

image

Credete davvero di conoscere fino in fondo chi dorme con voi, nel vostro letto, tutte le notti?
Credete davvero che gli atteggiamenti, a volte fuori luogo, a volte superficiali, del vostro partner non nascondano un segreto, un desiderio inconfessato, un’inquietudine di fondo?
Conoscete davvero tutta la verita’ sulla persona che passera’ con voi il resto della sua esistenza?
Ma soprattutto, credereste che un film quasi indipendente, con un cast di quattro attori (due dei quali si vedranno per circa cinque minuti di pellicola) girato in un unica location, da una esordiente giovanissima regista, possa farvi venire la pelle d’oca in piu’ di una inquietante situazione? Senza bisogno di assassini furiosi, di effettacci splatter, di computer grafica a profusione? Senza bisogno di fare vedere niente, perche’, forse, non c’e niente da vedere?
Honeymoon ci racconta di “honeybee”, che in realta’ e’ Beatrix. “Bea” per tutti. “Bee” per il marito, giovane quanto lei, innamorato come lei.
Bea, e’ fresca di matrimonio, passera’ la sua luna di miele in un cottage, in Canada, sulla riva di un lago, circondato dal bosco.
Nessuno intorno.
La seconda notte Bea esce di casa, cammina nel bosco, e cambia.
Per sempre.
Gustiamocelo, questo regalo inaspettato, questa piccola perla dell’horror moderno.
O forse sarebbe meglio definirla una pellicola sci-fi? Un thriller? Cronemberg e gli ultracorpi?
Guardatela, anche se non amate l’horror, anche se non amate la sci-fi, perche’ alla fine non di horror si tratta, e forse nemmeno di fantascienza.
E’ un dialogo, piu profondo di quanto non si pensi, spesso introspettivo, sui valori della coppia, della relazione, sui dubbi dell’amore e sul cambiamento intrinseco ad ognuno di noi.
Pelle d’oca appunto. Peli dritti sulle braccia conserte.
Meglio se prima della luna di miele. Per darsi il tempo di riflettere.

Ai curiosi offro gratis due note aggiuntive: il film e’ del 2014, per la regia della bravissima Leigh Janiak; la protagnista femminile Rose Leslie, ve la ricordate tutti per la sua interpretazione di “Ygritte” nel “Trono di spade”. In italico territorio, il blu ray, di ottima e pregevole confezione, copertina cartonata e booklet interno, ce lo consegna la mai troppo lodata Midnight factory di cui abbiamo gia’ parlato qui

Annunci

46 commenti su “Honeymoon

  1. Sai che l’ho appena trovato (ieri, giusto ieri) e sto solo aspettando di guardarlo? Avrò bisogno di tempo, ma ti farò sapere… In giro non ne avevo sentito parlare bene, ma mi incuriosiva troppo, sarà anche per la protagonista o per il soggetto del film. Insomma, sono contenta di leggerti così. C’è speranza 😀

    • Grandissima fra, non resterai delusa. In giro ci sono opinioni varie come sempre, ma spulciando qua e la vedo una netta maggioranza di SI’. Tra i miei pilastri del web oltrettutto ho letto solo buone cose.. Tranqui, ti piacera’ 😀

  2. Se il mio guru consiglia, uno sguardo va assolutamente dato!
    Anche perché da come lo hai descritto sembra “Eyes Wide Shut” diretto da Mario Bava o Lucio Fulci… e se fosse, la cosa mi intrigherebbe assai…

    • Grazie della fiducia kasasan, piu che eyes wide shut, azzarderei ad un invasion of the body snatcher shackerato con 2 parti di rosemary’s baby , una parte di fire in the sky, una spruzzatina di inseminoid. Misceli il tutto e aggiungi un cubetto di ghiaccio per la pelle d’oca. Fammi sapere. Oltretutto il blu ray e’ veramente ben fatto, secondo lo standard di midnight factory che mi sta abituando troppo bene 😀

      • Fantastico!!
        Un concentrato di magia cinematografica attrverso di decenni in poche righe e con una cultura finissima!
        Mentre leggevo, godevo al solo echeggiare di quel bianco e nero pregnante dell’interno del camion in cui trasportano i baccelli alieni (poi fermato dalla polizia nel finale ottimista) o lo sguardo prima terrorizzato e poi disciolto nell’affetto materno di Mia Farrow verso il suo bambino, foss’anche il diavolo o l’interno della nave aliena che affiora benissimo nei flashback di Walton ed infine la sagoma fallica del grosso alieno che si avvicina alla terrestre sdraiata nuda sul lettino.
        Shakerando il tutto, ho avuto le vertigini: devo vedere Honeymoon…
        P.S. Sorrido di affetto infine per questa metafora alcolica molto vicina al mio concetto di shottino, di lomg drink. etc.

  3. Lupo lo sai che io sono schietto e allora, che ti devo dire, a me sto film non è piaciuto…
    Tolta la rossa (notevolissima, la ricordo anche in Utopia dove compare in un paio di episodi) e qualche scena effettivamente intrigante (soprattutto quelle con i fasci di luce che entrano in casa, veramente da pelle d’oca, su questo ti do ragione) non mi viene in mente niente da salvare.
    Sarà che per tutto il tempo ho avuto la strana sensazione di deja-vu, la qual cosa è assai bizzarra visto che – come sai – io sto genere qui lo vedo proprio in rare occasioni.
    Sentivo gli echi di The Strangers (quel filmaccio con Liv Tyler) e, soprattutto, echi de L’acchiappasogni (il libro del Re). Lì l’alieno usciva dal culo a suon di scoregge… qui esce da altre zone oggettivamente molto più affascinanti, ma il discorso poco cambia.

    E’ evidente poi che io mio giudizio vale meno di zero non essendo pratico dell’horror. Che qui poi, come giustamente evidenzi tu, è soprattutto sotteso ma cionondimeno palese.

    E comunque io il viaggio di nozze già l’ho fatto tempo fa quindi sono spacciato, anche se non ci stanno dei laghi nelle vicinanze.
    Addio 😀

    • Ahahaha lap, no dai… Magari ti salvi… Chiedile cose a tua moglie:..come si chiama ecc ecc.. Poi verifichi le risposte… 😀 sul film chetttedevodi’ i gusti non si discutono!!! Non ho avuto dejavu con l acchiappasogni perche non l ho visto, a me ha sto film e’ rimasto dentro anche dopo visione, non tanto per quello che si vede ma per quello che comunica…quello che mi ha intrigato non e’ tanto l alien story, quanto l identificare il “nemico” con le persone a te piu intime, ecco quella cosa li’ a me che sono romanticone credulone bonaccione mi genera ansia… 😀 😀

  4. E pensare che oggi avevo visto il dvd e mi ero interessato molto. E’ da un po’ di tempo (forse troppo) che tengo d’occhio quest’horror, ma non mi sono mai deciso a vederlo. Dannato me!

  5. Stai veramente diventando bravo nelle recensioni!
    Un uso intrigante del lessico e delle pause, non c’è che dire.
    Inoltre il film sembra veramente qualcosa di piccolo, ma prezioso. Voglio vederlo, e dunque lo guarderò!

  6. Visto, non come avrei voluto ma l’ho visto.
    Un filmone inquietantissimo da comprare assolutamente.
    Gli attori recitano come si deve e l’ambientazione è realmente paurosa.
    Il film scorre fluidamente con la costante sensazione che ci sarà qualcosa di molto brutto e la battuta finale lascia completamente di sasso.

  7. Insisto nel segnalarti ….

    Penny Dreadful è una serie televisiva statunitense e britannica di genere horror creata ed interamente scritta da John Logan, trasmessa dall’11 maggio 2014 sul canale via cavo Showtime.[1]

    Prendendo il nome dalle omonime pubblicazioni del XIX secolo, i penny dreadful, e ispirandosi a La Lega degli Straordinari Gentlemen di Alan Moore, la serie intreccia le origini di personaggi della letteratura horror come Victor Frankenstein, il Licantropo, Dorian Gray e il Conte Dracula, i quali sono alle prese con la loro alienazione mostruosa nella Londra vittoriana.

    Sherabuonagiornata

  8. Ok, vedo che mi sono persa qualche rece… intanto… parliamo di questo Honeymoon. Visto e sarò sincera. Non so cosa dirti, davvero. L’atmosfera, visivamente, l’ho molto apprezzata, un po’ meno parte dei dialoghi fra i due, anche se riconosco che hanno senso nel mostrare come il rapporto vada deteriorandosi. E ancora visivamente questo deterioramento è inquietante, veramente ben fatto, molto, molto inquietante. Quello che mi lascia interdetta è quello che c’è “dietro” la vicenda, che non mi ha totalmente coinvolto/convinto. Peccato, perché atmosfera e trucco erano veramente buoni e lei… beh, pericolosa e favolosa 😀 povero lui…

    • Bentornata fra, i dialoghi iniziali effettivamente sono fatti di “niente” ma come hai gia detto tu servono per trasmettere il giusto mood, pero per il resto a me e’ piaciuto un tot. Sul resto che dirti…Credo spaventi piu’ i maschietti…. Sentiamo molto di piu’ il senso di pericolo incombente….alla fine si parla di femminucce mutevoli…. 😀 😀

  9. Pingback: Honeymoon | My Mad Dreams

dai commenta! Non fare il timido

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...