Anarchia, la notte del giudizio

Guest post

image

Oggi abbiamo un gradito ospite. Tommaso, blogger di “Onestoespietato” ci ha voluto regalare questa succosissima recensione di “Anarchia”, scritta in esclusiva per il Cinemanometro. “Anarchia” e’ il seguito de “la notte del giudizio”, horror pseudo home invasion del 2013.

22 marzo 2023, Stati Uniti. Se vi trovate fuori, è il caso di rientrare a casa per evitare di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. Se un tempo l’imperativo era “non aprite quella porta” ora è diventato “chiudete bene quella porta”. Perché alle 19.00 scatta l’ora X dello sfogo annuale, the purge, ovvero 12 ore in cui, dal tramonto all’alba, per provvedimento governativo, è lecito uccidere chiunque, senza incorrere in alcun reato.
A distanza di un anno dal primo episodio La notte del giudizio (The Purge), James DeMonaco partorisce il sequel Anarchia, facendo un passo in avanti nell’indagine della violenza legittimata (d)al potere. Gli Usa sono una mega-nazione risorta dopo l’avvento del regime dei Nuovi Padri Fondatori, eminenze grigie più volte evocate ma ignote. Il Paese gode di una criminalità ai minimi storici, così come la disoccupazione è bassissima, ma ogni istinto represso deve essere liberato ogni tanto e per questo è stato istituzionalizzato lo Sfogo Annuale. “Semel in anno licet insanire” dicevano gli antichi sul Carnevale. Ma qui c’è ben poco da ridere. Per strada si riversano coloro che hanno deciso di morire, quelli che vogliono uccidere per puro piacere, chi per vendetta, chi per dovere statale al fine di ridistribuire il denaro (tema già visto nel pessimo In Time di Andrew Niccol). Come in un aggiornato e modificato mito del Centauro, i poveri sono dati in pasto allo Stato o a famiglie ricche affinché possano compiere il loro sacrificio al Dio Denaro e ai Nuovi Padri Fondatori.
Anarchia – La notte del giudizio è un b-movie in veste da sanguinolento blockbuster, superiore alla media di tanti altri prodotti (quelli sì che sono di serie b!) che inondano i multiplex. James DeMonaco però, diversamente dal primo film in cui appariva il divo Ethan Hawke, qui fa a meno di ogni star e punta tutto su un cast di attori pressoché ignoti e si getta in strada. Se “l’antefatto” si sviluppava per lo più in interni, ricordando un po’ Panic Room di David Fincher e un po’ Funny Games di Haneke, Anarchia scende in piazza, sulle strade buie e abbandonate di Los Angeles. Mitraglie, lanciafiamme, machete e calibro di ogni tipo scorrono come in una vetrina/campionario della violenza. Ad impugnarle un’umanità orribile, con maschere a metà strada tra quella di V per Vendetta e quella di Jason di Venerdì 13, spaventosa come gli zombie di Essi vivono di John Carpenter (non a caso DeMonaco ne ha sceneggiato il remake di Distretto 13).
Ma Anarchia non è puro entertainment sensazionalistico, calderone indistinto in cui rovesciare ogni forma di perversione armata. E’ un prodotto di genere (b-movie) che amalgama altri generi. Vi troviamo in primis tutti gli elementi del più classico degli horror: la coppietta che gli si ferma la macchina, la giovane di colore chiacchierona, quel sentirsi al sicuro quando in realtà si è in un mare di guai, l’anti-eroe che si redime, ecc. A questi è da aggiungere una tensione da thriller e un’ambientazione da piena apocalisse umana. Ma non solo.
Anarchia è soprattutto un film che indaga la società americana, il suo senso di giustizia e di libertà. Quella terra promessa dove la libertà è stendardo tenuto alto da sempre, è in realtà un Paese che (ap)pare sicuro, ma in realtà vive un equilibrio instabile pronto a implodere nella violenza. DeMonaco propone quindi una originale e disincantata riflessione sul porto d’armi negli Usa (e su questo non perdetevi i titoli di coda!), Paese che, inspiegabilmente, continua ancora oggi ad applicare la pena di morte. A bene vedere, infatti, e DeMonaco riesce a velare questo spunto, lo Sfogo annuale è una sorta di pena di morte legalizzata e impunita.
Anarchia è quindi un film che fa paura, anche solo per il fatto di immaginare, ma forse sarebbe meglio dire prospettare, e neppure troppo utopisticamente, una realtà che dista da noi solo dieci anni…
God Bless America. Anzi no.

Guest post scritto da Tommaso Tronconi (www.onestoespietato.com) per Cinemanometro

Annunci

18 commenti su “Anarchia, la notte del giudizio

  1. Caspita, l’ho scaricato giusto l’altro ieri e stavo per vederlo ma poi leggo che è un sequel…. che faccio? Recupero pure il primo o posso procedere senza troppi problemi direttamente con questo?

  2. Gran bel film e potenzialmente gran bella saga. Del primo ho amato il finale con quella fantastica tavolata borghese, dove metà della gente voleva uccidere chi aveva di fronte, una delle migliori rappresentazioni della famiglia alto-borghese di qualunque paese occidentale mai viste sul grande schermo.

  3. Belle rece 😀 sul film/saga non mi pronuncio, ne ho scritto abbastanza ormai… mi ripeterei e basta – non c’è verso, mi piace di più il secondo volume, ma questo lo sai. Per il resto, sarò felicissima di seguire il blog di Tommaso, mi darà senz’altro ottimi spunti. E… ah… volevo dirti che ho appena scovato una copia di Licantropia 😀 ricerche a tappeto nei mercatini hanno funzionato…

    • Ah francy….. L ho visto l altro giorno…. Temo resterai delusa….io almeno son rimasto deluso…. Niente a che vedere con gli altri due licantropi…. Il terzo lica proprio nun m’e’ piasiuto…pero sono curiosissimo di sapere la tua 😉

  4. Bella recensione, anche se il film non l’ho ancora visto. Il primo si e non mi è dispiaciuto. Soprattutto – come avete già scritto voi – il finale che sboccava ipocrisia da ogni poro della pelle.
    Il secondo film me lo vedrò, perché mi sono incuriosito!
    Comunque – i nuovi padri fondatori – mi ricordano quelli che oggi potrebbero modificare la costituzione americana in favore di leggi simili a quelle di questi film. Vedremo! Buona serata.

    • Che magari succede davvero… E magari funziona anche…. Non sarebbe la prima volta che la fantascienza anticipa la realta’…. Io sto ancora aspettando il teletrasporto 🙂

      • Eheheheh, speriamo che non accada, altrimenti sai quante bare dovrebbero essere seppellite ogni anno! E’ come se autorizzassero la pena di morte incondizionatamente a qualsiasi tipo di persona.

  5. A me il trailer del primo mi seppe di cagata assurda e glissai (e molte recensioni hanno rafforzato questa mia opinione).
    Quindi per correttezza personale mi salterò anche il secondo

dai commenta! Non fare il timido

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...