Demoni

Bava alla bocca

Demons

E’ che prima di…che prima di “The ring” , e prima di “Dal tramonto all’alba”….. insomma PRIMA, il Lamberto nazionale aveva gia’ pensato a tutto lui. Solo che le proiezioni malvagie avvengono al cinema e non in videocassetta…e i mostri ti chiudono dentro allo stesso cinema, non al Titty Twist… Per il resto cosa cambia?
Il nostro Lamberto Bava, tratteggia un’opera a tinte forti degna del “mainstream” hollywoodiano. Eh si’ perchè negli anni ottanta noi italiani l’horror lo sapevamo fare. Anzi, negli anni ottanta il nostro cinema di genere era preso a modello anche oltreoceano: ne sanno qualcosa i vari Tarantino, Rodriguez, Roth e compagnia bella che proprio da questo film hanno tratto piu’ di una citazione. “Demoni” è uno dei primi esempi di splatter italico, è spudoratamente uno “zombie-movie”, con i demoni (come da titolo) al posto degli zombie. I clichè del genere ci sono tutti, il gruppo sacrificale bloccato nel cinema, il tentativo di isolarsi dai cattivi sprangando porte e finestre, il contagio e la mattanza. Niente di nuovo quindi, ma la pellicola è un ottimo esempio di cinema horror, mescola trovate sopraffine (la scena dell’elicottero è esemplare), azione sanguinaria a tutto tondo e effetti speciali ben realizzati dal mai troppo idolatrato Sergio Stivaletti (cioè vogliamo mettere i brufoloni di gomma che esplodono, il cambio dei denti, il vomitino verde???? bellissimo). Il film è scritto e prodotto da Dario Argento, all’apice del suo periodo d’oro, le musiche originali sono dei Goblin, guidati dal sempreverde Simonetti, e si uniscono meravigliosamente a tanti successi pop/rock dell’epoca. Risentire oggi certi brani nella colonna sonora di un film del genere è strepitoso; il sound inconfondibile di Billy Idol, degli Scorpions, dei Motorhead, corredato da mostri e amenità varie sul video è godimento puro.
Naturale che quando si guarda un B-movie con quasi trent’anni sulle spalle, qualcosa vada comunque e doverosamente perdonato; qualche peccato veniale c’è: dialoghi non sempre all’altezza, alcune situazioni un po troppo forzate, recitazioni discutibili, ma ci si passa volentieri sopra per godere della grandezza di tutto il resto. Insomma un film assolutamente da ri-vedere e ri-ascoltare, per rivivere le emozioni della sala nei tempi che furono. Culto.

Annunci
di lupokatttivo

6 commenti su “Demoni

  1. L’horror movie all’italiana è un genere in cui, lo confesso, sono totalmente ignorante. Non amo particolarmente l’horror e neppure il cinema italiano: da qui la mia idiosincrasia.
    Ricordo che da piccolo vidi una scena di un film (credo di Dario Argento) con una pomiciatona condita da lametta tra le labbra. Già che la vista del sangue mi fa impressione, figurai quelle immagini… se ci ripenso ho ancora i brividi
    Ecco, io appartengo a quella schiera di ignoranti convinta che la cosa migliore fatta da Dario Argento sia sua figlia Asia 😀

    • no no lap non è ignoranza..sono d’accordo con te 😉 anche io penso che dario purtroppo è finito dopo suspiria e profondo rosso, il resto della sua filmografia ha avuto un drastico e continuo calo fino all’ultimo Dracula. Asia invece è rimasta bella 🙂

dai commenta! Non fare il timido

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...