The divide

cartoline dall’apocalisse

image

Ci sono prodotti capaci di toccare nervi scoperti con precisione chirurgica. Ci sono storie che non si raccontano, si vivono, sulla pelle, e nella pancia grazie alla potenza delle immagini. Livido, malato, visionario, claustofobrico, perverso, forte, angosciante, sporco, bugiardo, allucinato, feroce, paranoico. L’apocalisse, il bunker, le radiazioni come non ce le hanno mai raccontate. Nove persone, uno scantinato, e fuori l’olocausto nucleare. Ci raccontano poco e niente sul perche’, sui motivi, sulle conseguenze. Lo viviamo da protagonisti non da spettatori, sigillati anche noi dentro le nostre angosce. Una regia impertinente e lucida, e un montaggio deciso e didascalico che ti portano li’ nel mezzo di un azione che si dipana strisciando tra i corridoi bui di un’unica lunghissima agonia. Una discesa all’inferno senza ritorno, senza speranza, senza indulgenza. Un film che convince dall’inizio alla fine, che rivela i veri mostri. Niente alieni, nessun facciotto di gomma, niente serial-killer piacioni; qui c’e’ il branco, c’e’ la degenerazione, ci sono le dinamiche del potere, c’e’ la soppraffazione, tutto terribilmente reale. “The divide” e’ come l’uomo: imperfetto, volgare, superpredatore. Non aspettatevi la canonica oretta e mezzo spensierata. Se avrete voglia di guardarlo, sappiate che ve lo porterete appresso per un po. Orribilmente sublime.

Attenzione Spoiler:
Se il film non l’avete visto potete tranquillamente fermarvi qui. Con chi l’ha visto vorrei invece condividere un pensiero. Si parla di “discesa all’inferno”..e allora e’intrigante analizzare quali siano le allegorie e i rimandi di “the divide” proprio nei confronti dell’inferno dantesco…a partire dai personaggi che non a caso sono nove come nove sono i cerchi dell’inferno. La discesa verso i gironi e’ ben rappresentata, iniziando dal limbo. Le anime pure nell’inferno di Dante non vivono e non vedono i cerchi infernali. Non e’ un caso quindi che la prima vittima della mattanza sia la ragazzina. La ragazzina non vivra’ la degenerazione dei suoi compagni. Viene rapita subito, e abbandonata in crio-stasi. Con gli occhi ben incerottati…lei e’ un innocente e le pene degli altri non la toccheranno. I cerchi ci sono tutti, c’ e’ la golosita’, che qui e’ comunque anche necessita’, del cibo razionato dal gruppo. C’ e’ l’avarizia di Mickey che proprio al gruppo vuole nascondere le scorte alimentari. C’e’ la violenza che si insinua pian piano in tutti i membri fino alle ovvie degenerazioni. C’e’ la lussuria, ben rappresentata dai giochetti della brava Rosanna Arquette con i suoi comprimari. C’e’ l’ira che pervade ogni singolo fotogramma, c’e’ la perdita della fede da parte di tutti i malcapitati e soprattutto c’e’ il tradimento, della bella protagonista che al grido di “mors tua vita mea” si infila l’unica tuta antiradiazioni ed abbandona i compagni tra le fiamme…e proprio qui le allegorie si sprecano, dal Josh provetto Lucifero che condanna il gruppo incendiandosi e presentandosi come perfetto demonio in una delle sequenze piu’ riuscite del film, fino alla reale discesa negli inferi di Eva, che continua a scavare dentro la latrina e si ritrova, non solo metaforicamente nella merda fino al collo. La risalita verso il mondo che aveva lasciato le dimostrera’ che dall’inferno non si fugge.

Annunci

33 commenti su “The divide

  1. Mi sembra interessante questo film: ho sempre adorato queste ambientazioni paranoiche dove i personaggi tirano fuori il peggio. D’altronde da ragazzo adorai il ilbro “Il signore delle mosche”..
    Inoltre, vedo che nel cast c’è pure Peter Petrelli e la gran gnocca di Happy Town. Me lo devo vedere assolutamente!!!!!
    Bravo Lupo!!!!!

  2. Ciao! Ero estremamente curioso di vedere questo film, il trailer mi aveva già ampiamente incuriosito dai primi secondi, quando si vede lei piangere per la bomba esplodere poco distante. Poi, la fatica a trovarlo da qualche parte e alcune recensioni inconcludenti mi hanno fatto desistere. Dopo questa recensione la voglia di vederlo è tornata e sono sempre più curioso. Preparo però del Malox per lo stomaco eheh Grazie mille!

    • Ma grazie mille a te delle belle parole. Il film e’ uscito ieri in dvd, lo troverai facilmente. Guardalo perche’ merita davvero tanto, poi se hai voglia ripassa da qui e leggiti lo spoiler…fammi sapere cosa ne pensi..del film e della spoilerata 😉

      • Perfetto per il dvd, grazie, non lo sapevo! 😉 E per lo spoiler ammetto con un po’ di vergogna che la curiosità era alta e l’ho letto (con la consapevolezza di dimenticarlo da qui a quando riuscirò a vedere il film eheh). Ma sicuramente ti farò sapere 🙂

          • Ciao Lupo, ho visto il film ieri pomeriggio! Devo dire che fatico ad avere un’opinione chiara: da un lato me lo aspettavo più violento, anche se è molto angosciante e alienante, dall’altra l’ho trovato fin meglio rispetto alle mie aspettative, nonostante svariati buchi di sceneggiatura (per esempio, nessuno che si strugge per le vittime, i familiari o gli amici lasciati fuori dal bunker, giusto per dirne una al volo…). I riferimenti a Dante che tu hai citato sono condivisi; ciò che mi ha colpito è anche l’altro riferimento religioso, il nome di Eva, da cui tutto parte e su cui il film si chiude, come a dire la prima e ultima donna sulla terra. Film interessante! 🙂

            • Ciao Andrea, contento che ti sia piaciuto, il buco di scenggiatura che sottolinei e’ verissimo, ma ero talmente preso dalla storia che me ne rendo conto solo ora che me lo fai notare…si’ anche Eva probabilmente non e’ un nome scelto a caso. A ribadire che nulla e’ stato trascurato. Grazie del commento e della fiducia.

    • Grazie mille!!! I complimenti sono sempre ben accetti. 🙂 il film e’ in italiano e lo trovi da ieri in dvd. L edizione oltretutto e’ ottima anche dal punto di vista tecnico, audio e video perfetti.

        • Eheheh era riferito alla tua frase…”soprattutto quando l inferno te lo porti dentro” Che e’ una frase inquietante… 😉 inquieta la frase…spero di essermi spiegato. Un salutone 🙂

      • A proposito di lupo cattivo, diciamo che” il lupo “è stato il protagonista della mia tesi di laurea :”Mito e Fiaba”. Tornando da casa dei miei avi in montagnal’altra settimana , era buio e mi ha attraversato strada , Una volpe, così ha definito qul” veloce animale che si è subito rifugiato nel bosco, ma io ho visto degli occhi rossi: E ho dubitato che fosse una volpe perchè la mia bisnonna mi raccontava sempre che quando c’era la neve i lupi scendevano fino al paese e si avvicinavano per mangiarsi le pecore e mi diceva sempre che avevano gli occhi rossi: Anche le volpi hanno di notte gli occhi rossi?

  3. E in effetti hai ragione.
    è una rappresentazione dell’inferno e gli elementi ci sono tutti quanti.
    sono felice che il film sia arrivato in dvd qui da noi, anche se con circa un anno di ritardo. ma va bene così. lo compro 😉

  4. Film sorprendentemente crudo e violento, motivo per il quale l’ho molto apprezzato. Analizza senza censure la degenerazione dell’uomo messo alle strette, quando a riempire il suo animo sono solo la disperazione e la sete di potere, ed il suo imbruttimento, qui mostrato per mezzo dell’avvelenamento da radiazioni, che lo trasforma in un mostro.
    A dirla tutta mi ha ricordato molto The Experiment, in cui sono sempre questi stessi sentimenti a riportare l’uomo allo stato di bestia; bestia inferocita e famelica o bestia spaventata e disposta a tutto, per l’esattezza.

    Il tuo paragone con l’inferno dantesco mi ha molto colpito; effettivamente tutto quadra e sicuramente il regista aveva in mente quest’idea mentre girava il film. Complimenti, ottima interpretazione.

  5. Visto ieri sera su Rai 4: non so, non mi ha convinto, sapeva di già visto. Bella la regia e il montaggio, ma mi fermo lì.
    Però se vuoi qualcosa di simile ti consiglio La notte eterna del coniglio di Giacomo Gardumi. Un libro che ha qualcosa in comune con questo film.

dai commenta! Non fare il timido

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...