Oblivion

fantascienza di lusso

Oblivion

Cosa funziona in Oblivion? Intanto c’e’ Tom. A Tom la fantascienza viene anche meglio di Top gun. “La guerra dei mondi” e “Minority report” ad esempio. In Oblivion gli effetti speciali sono strepitosi, i paesaggi sono strepitosi, il “coso” volante di Tom e’ strepitoso pure lui. I richiami alla sci-fi tradizional-pop-culturale ci sono tutti e nessuno fa niente per nasconderli. I droni ricordano molto da vicino i caccia “tie” di guerre stellari. Il monolite e’ preso e plagiato da “2001 odissea nello spazio”. Morgan Freeman sembra Morpheus di “Matrix”. Tutto un po gia’ visto, ma remixato bene, e questo, alla fine, fa la differenza. La storia e’ gradevole, le musiche spettacolari; l’impressione e’ quella di trovarsi di fronte ad un opera maestosa, a volte fin troppo sicura di se. Tutto perfetto quindi? A voler esser pignoli  qualche sbavatura c’e’ : i (pochi) limiti della pellicola sono da ricercare in una lentezza di fondo che poteva essere tranquillamente evitata; se fosse durato 20 minuti in meno, Oblivion sarebbe stato un perfetto film d’azione. Avrei voluto un po piu’ approfondimento sui personaggi, tolto Cruise, impeccabile nel suo “one-man show”, tutti gli altri sono poco piu’ che comparse.  E poi c e’ una malinconia di fondo che a fine visione lascia un po l’amaro in bocca. L’avrei preferito un po piu’ cialtrone e meno introspettivo, ma e’ comunque un parere strettamente personale. Mettendo pro e contro sul piatto, il bilancio è in ogni modo assolutamente positivo: Oblivion rimane un ottimo esempio di fantascienza di alto livello, ambizioso, efficace, coinvolgente e sontuoso.

Annunci

24 commenti su “Oblivion

  1. Avevo notato la cura stilistica e scenografica, che in una buona opera di fantascienza cinematografica deve avere il suo peso artistico. Il film non l’ho visto, ancora ma la tua recensione m’incoraggia la visione anche se Tom non è tra i miei preferiti.

  2. Tom Cruise è uno dei pochi attori che non digerisco e infatti l’ho apprezzato in pochi film (Top Gun e Eyes Wide Shut su tutti) però vista la tua recensione gli darò una possibilità! Buona giornata 🙂

    • Bravo, verissimo, “fisicamente” e’ uguale al cubo borg, volendo anche al trasporto dei java di star wars, ma …. Concettualmente, il senso era piu’ vicino al monolite…l alieno, dio, etcetcetc. Comunque ottima osservazione.. Ecco mi e’ venuta voglia di rispararmi “primo contatto” 🙂

      • Pensavo ai borg per via dell’assimilare le persone annientandone identità, cultura etc. solo che qui il Theta (si chiamava così?) assimila le risorse naturali e annienta gli indigeni del pianeta razziato. Ps. Io, quasi quasi, rivedo 2001… 😉

  3. Anche io ho apprezzato questo film, d’altronde quando c’è Tom Cruise che deve salvare il mondo di solito ci scappa il bel film.
    Ho anche fatto una recensione di Oblivion cui ti rimando, senza dilungarmi oltre qui.
    L’unico difetto imputabile sono i 20 minuti di troppo che hai rilevato pure tu, ma questo difetto è tipico di troppi film degli ultimi 2-3 anni: less is more, dicono gli americani. E hanno tremendamente ragione.

    • Effettivamente si’…. Pero’ che estetica…che linee, che colori…la novita’ forse sta li’ nell’assoluta pulizia del design…del tutto…a me e’ rimasta impressa.

  4. Oh-Oh! Grazie per seguire il mio blog, farò lo stesso 😉
    Passando a questo film…l’ho amato, dall’inizio alla fine! Non è il solito film di fantascienza, che oramai si somigliano tutti, ma è qualcosa di unico e speciale! Insomma, uno dei migliori film da tre anni a questa parte!

    -IsmaelFox

  5. Anche a me è piaciuto. Concordo sul fatto che sia un po’ lento, però a me la malinconia ha lasciato non l’amaro in bocca, quanto piuttosto la speranza di un sequel.

  6. Quando ho scoperto che nel film c’era anche Tom Cruise mi sono detto: “Oh no, un altro monumento alle sue famose doti sessuali, con l’attrice di turno che racconta quant’è bravo a letto e lui che si vanta delle proprie prodezze durate tutta la notte…” (si intravede lontanamente il mio odio per lui, scommetto); invece è stato l’opposto delle aspettative. Un film dalle ambientazioni stupende e dalla trama coinvolgente, con colpi di scena (forse un pò prevedibili, ma forse solo dal mio punto di vista) molto intensi ed un richiamo ad Ulisse, all’uomo in cerca della verità e assetato di conoscenza al punto di mettere a repentaglio la propria vita.
    Me lo sono goduto fino in fondo, anche se il finale mi ha lasciato l’amaro in bocca (ALLARME SPOILER); mi aspettavo non venisse mostrato l’interno dell’astronave, che venisse inquadrata solo l’esplosione, o che, al contrario, fosse introdotta una razza aliena impegnata a vivere nella cittadella volante. Non ho neppure per un momento pensato alla macchina-divinità stile Matrix. Tuttavia è stata una buona idea quella di lasciare dubbi e domande invece di spiegare tutto… anche se magari la causa è proprio la carenza di un’idea.
    Una cosa che mi ha deluso, come per Will Smith in After Earth, è il fatto che abbiano dato poco spazio a Morgan Freeman, come tu stesso hai sottolineato; il suo personaggio valeva di più e dovevano sfruttarlo meglio, a mio parere.
    Vabbè, qui sto scrivendo una recensione tutta mia quindi mi blocco. Concludo ribadendo che il film mi è molto piaciuto, nonostante i pregiudizi iniziali.

    • eheheh grazie 1000 per la rece!!!! dont worry i commenti sono sempre bene accetti, quando sono intelligenti ancora di piu’, se son lunghi e intelligenti poi…il blog è felice 😉

dai commenta! Non fare il timido

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...