The Ward

suspence di classe

image

John Carpenter. Tanto basterebbe per dire che il film e’ sublime. Almeno per me che sono spudoratamente di parte quando parlo di uno dei miei registi preferiti. “The ward” ne segna il ritorno alla regia dopo una lunga pausa. Si’, e’ sempre lui, ancora perfetto, ancora artigiano del cinema, ancora sincero, ancora culto. Il nuovo film ricorda “suspiria” per le ambientazioni, per il cast tutto femminile, per la ricerca della soluzione al mistero che si dipana tra corridoi lugubri e stanze chiuse. C’e’ una forte similitudine anche con “sucker punch” almeno per la location e per le modalita’ di sviluppo della trama, considerato che i due film sono praticamente contemporanei la cosa e’ abbastanza curiosa. “The ward” e’ un thriller horror ben confezionato. L’atmosfera e’ da subito forte…si respira inquietudine in ogni secondo, in ogni inquadratura, ad ogni rumore. E’ tutto perfettamente coerente, cupo, angosciante. E la suspence perdura anche dopo il mostro, anche dopo lo svelarsi della trama, anche nell’ultimo psicotico momento del film. Da guardare con le spalle rigorosamente al muro per evitare di voltarsi ogni secondo. Al buio e col volume a palla.

Annunci

21 commenti su “The Ward

    • Eh si’ eh!!!! Tutto condivido….tutto!! Certo “sucker punch” e’ un altra cosa, pero’ mi incuriosisce il fatto che due film del 2011 usciti a distanza di un mesetto l uno dall altro abbiano in comune parte della storia ed ambientazioni…caso fortuito o spionaggio industriale da kgb???😁😁 io naturalmente tifo john tutta la vita 😉😉

  1. Da ex aficionado del buon Carpenter (troppo cadute nella sua altalenante carriera) gli assegno un timido “discreto”. Robina già vista in decine di film “clinic” (e non mi riferisco alle pratiche BDSM!) 🙂

    • Sono d accordo sul fatto che non sia il miglior carpenter….1997, grosso guaio, fog, essi vivono sono sicuramente superiori, ma nel desolante panorama thriller moderno, credo che questo film si faccia notare….poi te lho detto che sono di parte 😄😄😄😄

  2. Carino, ma dopo la visione rimasi un po’ spiazzato. Insomma, da Carpenter non mi aspettavo un film simile… per carità, ben fatto, ma se devo scegliere tra questo e Il signore del male… 😉
    Curiose le coincidenze con Sucker Punch, le notai anche io all’epoca 🙂

  3. Carpenter è un genio ed al contempo è un demonio, anzi è uno degli spiriti che animano la settima arte perché come un novello Prometeo sacrifica se stesso sugli altari di Hollywood e muore bruciando per non rinunciare alla sua ed alla nostra libertà creativa.
    Il suo MALE è sempre assoluto e può sbucare all’improvviso e ferirci, senza pretese morali.
    I suoi film Horror sono seminali ed i suoi action sono adrenalina pura e non so davvero cosa si può chiedere di più ad un regista, certo più grezzo di altri colleghi ma con un cuore che davvero non so chi altro di vivente possa avere!
    The Ward” è magnifico ed è commovente che sia un così bel film dopo dieci anni di pausa ed in questo ricorda, nella grandezza, ciò che quest’anno è stato “Fury Road”, anch’esso dopo una pausa lunghissima, anch’esso da un regista che si credeva spento; probabilmente Carpenter in “The Ward” è più arrugginito di quanto non sembra esserlo Miller in “Fury Road”, ma la classe c’è tutta!
    Questi due grandi vecchi, Miller e Carpenter, stanno dando una bella lezione ai ragazzini della nuova Hollywood, tutta finta, tutta geneticamente modificata, tutta marketing e niente cuore.
    In Carpenter ed in “The Ward” il cuore Carpenter lo tiene stretto nelle sue mani e ce lomostra staccato dale vene ed alle arterie, ma ancora pulsante.
    Il paragone estetico con “Sucker Punch” è stimolante, ma il giudizio finisce lì: dire quale è più bello sarebbe offensivo per uno dei due (la tecnica di Snyder, il cuore di Carpenter, la visionarietà di Zack, il malessere di John… è una lotta ingiusta, facciamo piuttosto paragoni con altri coglioni più pagati e con più successo al botteghino…), perché dire che uno è più bello dell’altro è osceno.
    I Blu-Ray di entrambi mi strizzano gli occhi dal mio scaffale ed io li proteggerò dagli uomini cattivi, cocchi miei!

    • Che dire kasa…. Io sono dalla tua al centomila per cento… Ed onestamente credo che lo sarebbe anche jhon se leggesse queste odi…. Tutte ripeto assolutamente meritate. Sucker l ho tirato in ballo solamente per l ambientazione che mi fa eva curiosa coincidenza… Essendo praticamente usciti insieme…. Ma le similitudini, si fermano li. Un salutone

      • Quando parlavo dell’ingiusta imparagonabilità qualitativa dei due film non mi riferivo a te, perché le similitudini che hai trovato sono giustissime, ma parlavo di un tuo follower che riteneva Sucker molto inferiore a The Ward!
        Tu sei il mio idolo e lo sai!
        Ogni tuo complimento è per me un grande onore e pensa che ho dei follower che mi stanno seguendo praticamente solo perché hai parlato bene di me… quindi sono tuo discepolo, maestro!

  4. Ah, dimenticavo… il cast conteneva tre splendide soprprese: il britannico Jared Harris (attore che ho adorato come cattivo di Fringe e da tempo specializzato in ruoli da “dottore” malvagio, la bellissima Amber Heard ed infine una delle mie preferite, la Danielle Panabaker (adorabile Layla di “Sky High”, Becca del romeroso “The Crazies ed infine la pucciosa Caitlin della fiction “The Flash”).
    Anche per questo, grazie John!

dai commenta! Non fare il timido

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...