L’implacabile (the running man)

please stand by

image

Un icona degli anni ottanta, un classico, un baraccone caciarone per noi palati fini. “Running man” e’un film quasi “carpenteriano” che paga tributi a “grosso guaio a chinatown” e “1997 fuga da new york”, e’ divertente, godibile, a suo modo raffinato nella coerenza dei colori, dei costumi, del montaggio, tutto cosi’ squisitamente eighties. Arnie strizzato nella sua tutina gialla non ha prezzo, i cattivi di turno sono macchiette strepitose, le battutacce si sprecano, il ritmo e’ costante e fin troppo sostenuto nel portarci rapidamente all’inesorabile scontro finale. Ma non e’ tutto qui: a voler scavare sotto la patina di luci al neon e plastiche sgargianti, c’e’ la consapevolezza di trovarsi davanti ad un prodotto intelligente, con un messaggio che, come succede nella migliore fantascienza, ha anticipato i tempi e ne ha previsto (purtroppo per noi) gli sviluppi. Da ri-vedere.

Annunci

4 commenti su “L’implacabile (the running man)

    • Eh si’, il buon Arnie e’ sempre una garanzia!! Certo anche il primo “predator” non era cosa da poco! Ho sentito parlare bene dell’ultimissimo “the last stand” speriamo in una conferma…

    • al tempo rollerball non l’avevo ancora visto…ho recuperato rivedendo sia l’originale che il reboot…non mi entusiasmano pero’ i riferimenti assolutamente ci sono. anyway preferisco decisamente schwarzy con la tutina gialla ai motociclisti del rollerball 😉 😉

dai commenta! Non fare il timido

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...